Vedere

Mostra eccezionale

LA PRINCIPAUTE DE MONACO ET LE COMMERCE AVEC LE LEVANT  AU TEMPS DES LUIGINI (XVIIème siècle) 

Da giovedì 22 a domenica 25 ottobre 2020, dalle 10 alle 17, Museo dei Francobolli e delle Monete

Il Museo dei Francobolli e delle Monete organizza una fastosa mostra di rare e bellissime monete antiche, corredate da documenti d’archivio e da preziose opere d’epoca. Sotto il regno di Luigi XIV, durante una decina di anni, i Principi Onorato II e Luigi I furono gli artefici più intraprendenti di una politica economica e commerciale condotta con l’Impero ottomano, allora chiamato il “Levante”, oggi ridotto alla Turchia. Ancor prima della fine della guerra franco-spagnola, sancita dalla Pace dei Pirenei nel 1659, il Principe Onorato II di Monaco aveva stretto dei rapporti commerciali con le autorità del Levante. Dal 1662, Colbert, che era succeduto a Nicolas Fouquet alla carica di “Ministro francese delle Finanze”, organizzò un ingegnoso sistema nel quale la Principessa di Dombes, cugina di primo grado di Luigi XIV, e il Principe Luigi I di Monaco, avrebbero intrecciato una stretta alleanza emettendo le monete necessarie alle transazioni commerciali.
La realtà superò poi gli obiettivi perseguiti dai fautori del progetto. I turchi s’infatuarono a tal punto delle monete che raffiguravano il ritratto della Principessa de Dombes che le sopravvalutarono e le pagarono fino a due volte il loro valore d’emissione, transformandole in merce. Di conseguenza, Luigi I di Monaco e poi alcuni signori genovesi e toscani della Costa ligure fecero coniare in massa milioni di monetine d’argento, poi denominate “luigini” e che raffiguravano ritratti oltraggiosamente imitati di quello della Principessa de Dombes. Alcuni speculatori particolarmente scaltri imbrogliarono addirittura sul peso delle monete e sulla loro imitazione per massimizzare i guadagni. Questa proliferazione di luigini di pessima qualità portò a proibirne la circolazione sotto le autorità ototmane, nel 1669-1670.
Questa mostra di prestigio ridà vita a questa storia sorprendente.

 

Illustrazione: Tallero detto “alla Fenice” di Onoraro II, noto a due esemplari (Museo dei Francobolli e delle Monete e Gabinetto delle medagli di Marsiglia), coniato per il Levante indubbiamente per il matrimonio del futuro Luigi I.