Gregory Porter

Salle Garnier de l'Opéra de Monte-Carlo
Place du Casino
98000 Monaco
Monaco
Lunedì 29 novembre 2021, alle 20.30
Venite a (ri)scoprire Gregory Porter e il suo nuovo album "All Rise" il 29 novembre all'Opera Garnier Monte-Carlo!Lunedì 29 novembre 2021 alle 20.30, Opera di Monte-Carlo - Salle Garnier

Il giovane californiano cullato dalla musica soul di Marvin Gaye e dal jazz di Nat King Cole fa il suo esordio a Broadway dove ben presto si fa notare nella commedia musicale It Ain't Nothin'But the Blues (1999). Questo successo gli permette di portare sul palcoscenico la sua commedia musicale Nat King Cole & Me nel 2004. Seguono i Grammy Awards, le serate con Stevie Wonder e i concerti per la Regina d'Inghilterra...ma Gregory Porter resta umile. Stando a quanto dice questo artista, il suo successo strepitoso deriva da una teoria: "La mia voce mi ha cullato quando ero bambino, e penso di fare la stessa cosa quando sono gli altri a sentirmi cantare. Provo a guarirmi con le mie canzoni". 

Se vi diciamo che è tornato, risponderete che lo sapevate già! Probabilmente avete già sentito un'eco da terremoto. La spiegazione di tutto ciò? Il sesto album inciso in studio, All Rise, che segna un ritorno alle composizioni originali del baritono che adora i testi intrisi di sensibilità che fondono jazz e soul, blues e gospel. L'album presenta l'evoluzione artistica di Gregory Porter: la sua arte è intima ma anche universale. 

Dopo aver composto l'album Nat King Cole & Me nel 2017 che rivela per l'artista il lato salvifico della scrittura, Porter si convince a collaborare nel suo lavoro successivo con un'orchestra. Forte di quest'ultima rivelazione, All Rise è permeato da canzoni che ci parlano d'amore ma anche di proteste, perché la strada della guarigione è sconnessa. "Sì, puoi dire che ci messo roba pesante", dice il cantante, parlando dei talenti che fanno parte del suo ultimo disco.   

Se gli strumenti a corda sono stati registrati negli studi Abbey Road, il cuore pulsante dell'album All Rise prende le mosse da due luoghi distinti: Los Angeles, agli Studi Capitol - un luogo mitico - e in un piccolo studio di registrazione del quartiere Saint-Germain-des-Près a Parigi, luogo emblematico storico della letteratura e del jazz. 

"All Rise è la frase che sentiamo quando un giudice entra in una stanza e tutti si alzano. Ma nella mente, io sento dire "ci eleviamo tutti", non si tratta soltanto di una persona. Siamo tutti esaltati dall'amore, è il mio pensiero politico ed è anche la mia verità che affonda nelle mie radici, dalla personalità del blues, dall'indole del popolo nero, l'idea che la nostra condizione possa migliorare con l'amore". 

 

Per prenotare